Da qui puoi andare direttamente al contenuto principale

tre foto della campania e logo quicampania
icona per aumentare la dimensione dei caratteriicona per diminuire la dimensione dei caratteri

Adda passà 'a nuttata!

Napoli milionaria





Adda passà 'a nuttata (o meglio, come si legge nel testo, Ha da passà 'a nuttata) è una famosissima frase contenuta nella commedia Napoli milionaria! divenuta nel tempo celeberrima; un po' come è accaduto alla notissima 'e figlie so' ffiglie! tratta da Filumena Marturano.

 

Siamo nel terzo atto della commedia; è sera e dopo lunghe ed affanose ricerche finalmente è stata trovata la medicina che può salvare la vita alla piccola Rituccia, la figlia di Gennaro e Amalia Jovine. Il medico, dopo avergliela somministrata, è fiducioso per il decorso della malattia, ma tiene a precisare che bisogna aspettare qualche ora per dire che il pericolo è scongiurato: "Mo ha da passà 'a nuttata. Deve superare la crisi".

Seguono alcuni dialoghi tra i protagonisti, il più importante tra questi è quello tra Gennaro e la moglie. Siamo alle ultimissime battute, riportiamo il testo di quest'ultimo scambio con i commenti dello stesso Eduardo:

Le offre una tazzina di caffè. Amalia accetta volentieri e guarda il marito con occhi interrogativi nei quali si legge una domanda angosciosa: "Come ci risaneremo? Come potremo ritornare quelli di una volta? Quando?". Gennaro intuisce e risponde con il suo tono di pronta saggezza: "S'ha da aspettà, Ama'. Ha da passà 'a nuttata".

 

Sono due i significati che sono stati attribuiti alla famosa frase: il primo fa riferimento alla particolare situazione storica vissuta in quel momento dal Paese distrutto dalla guerra; quindi Ha da passà 'a nuttata si riferisce in questo caso all'Italia che deve superare il momento tremendo che sta vivendo per risorgere e costruire il suo futuro.

Il secondo significato più generale è quello con il quale la frase viene oramai utilizzata nel linguaggio comune; quindi con Ha da passà 'a nuttata si intende che si sta attraversando un periodo difficile, ma si è sicuri che se ne può uscire fuori: si deve avere solo pazienza, deve passare questo momento senza luce.

 

In ogni caso, la frase è sicuramente improntata all'ottimismo, così come ottimista era il medico di Rituccia che l'ha proposta. La notte, per buia che possa essere, ha una durata limitata. Dopo arriva sempre il sole e nasce un nuovo giorno.





Dai un'occhiata anche a queste nostre altre pagine
:

Te piace 'o Presepio?

Il monologo del caffè





INVIACI UN COMMENTO

Aspettiamo i tuoi suggerimenti, le tue critiche, i tuoi commenti!


SEGNALA AD UN AMICO

Se il sito o un articolo ti sono piaciuti, perchè non dirlo ad un amico?