da qui puoi andare subito al contenuto principale

Le rubriche di Quicampania


tre foto della campania e logo quicampania
icona per aumentare la dimensione dei caratteriicona per diminuire la dimensione dei caratteri

Te piace 'o presepe?



Eduardo alle prese con il suo presepe Luca Cupiello alle prese con il suo presepe


Molti ricordano Natale in Casa Cupiello per la domanda, un vero tormentone, Te piace 'o presepe, che Luca ripete più volte al figlio (ad essere precisi, la domanda è Te piace 'o Presebbio).

Il presepe è infatti un vero protagonista della commedia; a lui sono dedicati l'inizio e la fine della commedia: nella prima scena, almeno nella versione televisiva del 1977, Concetta prima di svegliare il marito, passa davanti al presepe in costruzione e, con gesto di stizza, "lo manda a quel paese"; nell'ultimissima scena, per l'ennesima e ultima volta, Luca Cupiello domanda al figlio: "Te piace 'o presepe?".


Reiterati sono i tentativi di Luca di ottenere dal figlio Nennillo un'approvazione pre il suo lavoro natalizio; ne ricordiamo qualcuno:

-nel primo atto, prima ancora che Nennillo si alzi, tenta con alcuni ragionamenti di portarlo dalla sua parte; secche le tre risposte di Tomamasino:
"Non viene neanche bene"
"A me non piace"
"A me non mi piace. Ma guardate un poco, mi deve piacere per forza?

Nuovo tentativo a metà del primo atto; questa volta gli promette per dopo Natale un nuovo vestito e due camicie. Gli indica il presepe e domanda: "Te piace, eh? Te piace?".
Nennillo, fregandosene della promessa del vestito e delle camicie: "No!".

Nuovo attacco, mostrando la cascata del Presepe; "Te piace?"
Nennillo:"No!".

Di nuovo Luca: ".Come si può dire –non mi piace- se quello non è ancora finito?"
Nennillo: "Ma pure quando è finito non mi piace!"

Quando Luca poi lo caccia da casa, Nennillo conferma: "Ma il presepio non mi piace!". 

Secondo atto, in attesa del cenone di Natale: Nennillo è accusato per il furto delle cinque lire allo zio. Luca ha trovato nella tasca del figlio la banconota incriminata, il corpo del reato. Ma non lo dice agli altri. Offre un'opportunità al figlio di mettere tutto a tacere:
"Te piace 'o Presepio?".
Nennillo riflette un attimo e poi: "NO!".

 

Anche la moglie Concetta ha da ridire sul presepe; dopo aver mandato "a quel paese" il presepio nel silenzio della primissima scena, Concetta punzecchia ripetutamente Luca:
"Non capisco che lo fai a fare";
"Pare che stai facendo la Cupola di San Pietro! Ma vuttace quattro pastori…".

All'inizio del secondo atto, confessa chiaramente il suo pensiero a Raffaele, il portiere:"Vedete se è possibile che un uomo alla sua età si mette a fare il presepio. So' juta pe' le dicere:-Ma che 'o ffaie a fa'?-Sapete che mi ha risposto:-O faccio pe' me, ci voglio scherzare io!-".
Evidentemente all'epoca gli hobby non erano presi in considerazione come ai nostri giorni….

 

 Per condividere l'articolo su Facebook o Twitter clicca sull'icona!
Facebook Twitter


Quale voto dai a questo articolo?

INVIACI UN COMMENTO

Aspettiamo i tuoi suggerimenti, le tue critiche, i tuoi commenti!


SEGNALA AD UN AMICO

Se il sito o un articolo ti sono piaciuti, perchè non dirlo ad un amico?