Da qui puoi andare direttamente al contenuto principale

tre foto della campania e logo quicampania
icona per aumentare la dimensione dei caratteriicona per diminuire la dimensione dei caratteri

Serenata senza nome

Notturno per il commissario Ricciardi

 


Serenata senza nome è un romanzo giallo di Maurizio de Giovanni pubblicato nel mese di Giugno 2016, esattamente un anno dopo Anime di vetro. Si tratta del nono romanzo con protagonista il commissario Ricciardi.
In Serenata senza nome abbiamo un'ulteriore ma, ovviamente, lenta evoluzione della storia del rapporto tra il nostro bel commissario e la sua Enrica; non per merito del protagonista (ci mancherebbe...) ma della ragazza che decide di non accettare il fidanzamento con l'ufficiale tedesco, il maggiore Manfred Kaspar von Brauchitsch, preferendo rimanere in attesa di un possibile futuro avvicinamento da parte di Ricciardi.
Serenata senza nome è la terza storia, dopo quelle raccontata nel romanzo In fondo al tuo cuore e in Anime di vetro, in cui viene assegnato un ruolo ad una canzone dell'antica tradizione napoletana. Questa volta il brano è Voce 'e notte.
La storia del romanzo scorre nel mese di Ottobre 1932, mese caratterizzato da un pessimo clima e da pioggie torrenziali; non è la prima volta che le storie di Ricciardi sono ambientate in un contesto climatico poco... napoletano.
La trama principale è, ancora una volta, "accompagnata" da un'avventura di Maione, chiamato ad intervenire dal suo grande cuore in aiuto di Bambinella.





Serenata senza nome: I personaggi



La copertina di Serenata senza nome Ecco la copertina di Serenata senza nome, edito da Einaudi



I consueti...:
Il commissario Luigi Alfredo Ricciardi
Il brigadiere Raffaele Maione
Il vicequestore Angelo Garzo
Il dottor Bruno Modo
Nelide
Bambinella
Enrica Colombo
Livia Lucani
Falco
Il maggiore Manfred Kaspar von Brauchitsch
Bianca Borgati dei marchesi di Zisa, contessa Palmieri di Roccaspina
Tanino


E ancora
:
Romualdo Palmieri, Conte di Roccaspina

Vincenzo Sannino, detto Vinnie The Snake
Cettina
Costantino Irace
Avvocato Capone
Michelangelo Taliercio
Penny Wright
Jack Biasin
Paolo Forino
Gerardo Merolla
Nicola Martuscelli
Luisella Bartoli di Castronuovo
Duca Carlo Maria Marangolo
Gustavo 'a zoccola

E, sopra di tutti:
Il Fatto


Serenata senza nome: la trama



Ottobre 1932: in un vicolo della zona degli Orefici viene ritrovato il cadavere di Costantino Irace. Già ad un primissimo esame risulta evidente che la vittima sia stata picchiata selvaggiamente prima di ricevere il colpo mortale alla tempia destra.
Sembra un caso di facile e scontata soluzione: Irace ha ricevuto, solo qualche ora prima di morire, una minaccia di morte da parte di Vincenzo Sannino; si tratta di un famoso pugile, già campione del mondo dei medio-massimi, notissimo nel mondo sportivo; ha fatto grande clamore il suo ritiro dall'attività agonistica, da detentore del Titolo, a seguito della morte del suo avversario sul ring causata dal suo colpo preferito, un vero "marchio di fabbrica": il gancio sinistro.
Vince è il vecchio fidanzatino di Cettina, moglie della vittima, donna che lui vorrebbe riconquistare. Il caso appare quindi banale: il reo aveva sia il movente che le capacità per portare a termine quell'omicidio. Inoltre non ha alcun alibi: afferma di non ricordare nulla di quella notte lasciando intendere, lui stesso, che potrebbe essere stato lui a uccidere la vittima.
Spingono verso una rapida incriminazione del pugile le indicazioni che arrivano da Roma al superiore di Ricciardi, l'ossequioso Garzo: Vince è mal visto dal regime fascista perché considerato un vigliacco, un pessimo esempio per la gioventù littoria per la sua decisione di ritirarsi. In fondo, nel combattimento, ha ucciso "solo" un nero!
Il nostro Ricciardi non tralascia comunque altre ipotesi investigative, anche se costretto a mettere in stato di fermo Vince per tener buono il suo superiore: altri avrebbero tratto vantaggio dalla morte di Costantino Irace; ad esempio, il commerciante Gerardo Merolla che, riuscendo a soffiare un importantissimo affare alla vittima, avrebbe potuto rimettere in sesto la propria attività commerciale, ridando slancio alla propria azienda giunta, oramai al limite del fallimento.
Come sempre, Ricciardi avrà l'intuizione decisiva che comunicherà al fido Maione. Troverà facilmente i dovuti riscontri.
La soluzione sarà coerente con la frase ascoltata da Il Fatto "tu, di nuovo tu, tu, di nuovo tu, un'altra volta tu, di nuovo tu". E, questa volta più che mai, rispetterà la nota teoria di Ricciardi: "Si uccide per fame o per amore".



Serenata senza nome: qualche pillola




Incredibile a dirsi, in considerazione del suo aspetto fisico, la brava Nelide in Serenata senza nome sembra aver trovato nel bellissimo e corteggiatissimo Tanino un suo ammiratore. Si tratta di un fruttivendolo di bell'aspetto e peraltro dotato di una bellissima voce baritonale con la quale intona dolci canti ammaliando le tante donne che si recano al mercato per gli acquisti.

Il buon commissario indirettamente "beneficia" di questa simpatia della sua giovane tata; la cucina di Nelide è sempre stata, su indicazione della cara Rosa, particolarmente ricca, pesante, basata soprattutto sulle carni. Leggiamo che:
"Adesso, però, qualche oscuro motivo stava appunto indirizzando le arti culinarie della ragazza verso piatti a base di verdura di stagione, invece che di carne. La base restava cilentana, per carità, ma almeno i vegetali stemperavano la pesantezza delle ricette".




INVIACI UN COMMENTO

Aspettiamo i tuoi suggerimenti, le tue critiche, i tuoi commenti!


SEGNALA AD UN AMICO

Se il sito o un articolo ti sono piaciuti, perchè non dirlo ad un amico?