da qui puoi andare subito al contenuto principale

Le rubriche di Quicampania


tre foto della campania e logo quicampania
icona per aumentare la dimensione dei caratteriicona per diminuire la dimensione dei caratteri

La cavalla storna



Carlo della Valle ha proposto nel suo "Famose poesie italiane tradotte 'a lengua" alcune delle più famose e "storiche" poesie della letteratura italiana in napoletano.
Vi proponiamo, dopo la dantesca Tanto gentile e tanto onesta pare, la Cavalla storna del Pascoli.

Il libro di Carlo della Valle è reperibile al seguente link :



" ‘Mmiezo a campagna niente se senteva.
Sultanto quacche fronna se muveva.
‘E cavalle ‘e fatica e ‘na cavalla
mazzecavano ‘a vrenna dint’’a stalla.
Là nascette, d’’o mare ‘ncopp’’a rena
chesta bestia servaggia, ancora chiena
d’’o rummore ‘e chell’onne dint’’e recchie
e d’’e schizzeche ‘e l’acqua int’e naserchie.
Appuiannose ‘ncopp’’a mangiatora
mammema steva; e le spiava ancora:
“Oi cavalluccia, ca te sì purtato
chillo ca doppo nun è chiù turnato;
tu, ca ‘ntennive chello ca diceva!
Uno ‘e chill’otto figlie ca teneva,
nu giuvinotto ca maie ha saputo
guvernà n’animale, ogge ha vinciuto
‘a forza ca tu tiene ‘ncuorpo, chella
c’hai rialato a ‘sta mana piccerella.
Tu, ca sempe servaggia si rummasa,
‘a voce soia t’ha fatto perzuasa!”
‘A cavalla ‘a guardava e, overamente,
pareva comme si ‘a tenesse mente.
“Oi cavalluccia, ca te sì purtato
chillo ca doppo nun è chiù turnato;
‘o saccio, ‘o saccio ca ‘o vulive bene!
E quanno isso murette tutt’’e pene
‘e tenive ‘int’o core appaurato;
tanto ca quase te mancava ‘o sciato
sentenno po’ ca ‘o muorzo s’allentaie
e ca nisciuno chiù te cummannaie.
Te l’aggia dì: sì stata propio brava
a nun fuì mentr’isso sparpetiava...”
‘E doie cape, ca stevano accustate
pareva ca chiagnessero abbracciate.
6
“Oi cavalluccia, ca te sì purtato
chillo ca doppo nun è chiù turnato,
quaccosa isso dicette e l’haie sentuta!
Ma mò nun può parlà pecchè sì muta,
e cu ‘e vriglie ‘int’e zuoccole allentate,
vedenno e po’ sentenno ‘e scuppettate,
cuntinuaste a cammenà pe’e campe,
pure si appaurata pe ‘sti lampe:
p’ arrivà primma ca tramonta ‘o sole,
e fa sentere a nuie chelli parole!”
E mentre ca parlava ‘e ‘sta manera,
mammema l’abbracciaie ‘ncopp’a creniera
“Oi cavalluccia, a casa tu hê carriato
chillo, però, ca nun è chiù turnato!
Vicino a me ca sempe l’aspettaie!
Sì stata bona... Ma parlà nun saie!
E quaccheduno nun tene ‘o curaggio
‘e dicere chi ha fatto ‘stu dammaggio!
Ma tu l’hê visto chillo c’ha sparato:
e dint’all’uocchie ‘o tennaraie stampato.
Mò te dico nu nomme, e spero assaie
ca Dio t’aiuta e tu rispunnarraie”!
Mo’ ‘e cavalle nun steveno magnanno:
‘na strata janca steveno sunnanno
e stanno addubbechiate ‘ncopp’a paglia:
sunnavano d’’e rote ‘na ferraglia.
Mammema aizaie nu dito e po’ ‘o facette:
dicette ‘o nomme... ‘a cavalla annetrette. "

 Per condividere l'articolo su Facebook o Twitter clicca sull'icona!
Facebook Twitter


Quale voto dai a questo articolo?

INVIACI UN COMMENTO

Aspettiamo i tuoi suggerimenti, le tue critiche, i tuoi commenti!


SEGNALA AD UN AMICO

Se il sito o un articolo ti sono piaciuti, perchè non dirlo ad un amico?